Itinerari – 5 modi di vivere la Maremma – Vacanze in fattoria (di Carla Serra) Ottobre 2004

Maremma – Era davvero rischioso, molti anni fa passare per la Maremma. C’erano le paludi, e se non erano le paludi c’era la malaria, e se non c’era la malaria c’erano i briganti. Oggi paludi, malaria e briganti non ci sono più, se non nei libri di storia, eppure viaggiare in Maremma rimane, per certi aspetti “pericoloso” perché si corre il rischio di venire sopraffatti dalla natura e dalla gente, e di esserne catturati, ma questa volta dalle bellezze di un paesaggio ricco di sorprese, dalla schiettezza ruvida e antica dei suoi abitanti, dalla varietà delle culture radicate nella terra, dalle storie e dalle leggende che qui sono fiorite come su un campo grasso. E’ la Maremma!

Vacanze in fattoriaPodere Cavone – Tre camere e una suite ombreggiate da un’ampia veranda dove viene servita la colazione a base di marmellate e torte fatte in casa con prodotti dell’azienda. Il vecchio casale contadino, infatti, si trova al centro di una tenuta di 16 ettari dove si coltivano vite, ulivi e frutta. La casa è stata ristrutturata con gusto, recuperando materiali e colori tradizionali, è arredata con pochi e selezionati mobili antichi, tessuti grezzi e calde luci.